Questo sito è dedicato alla mia passione per la letteratura americana contemporanea.
La lettera "k" nel titolo non ha nessuna connotazione negativa: è il solo dominio che ho trovato libero! :-)
indice alfabetico degli autori

A B C D
E F G H
I J K L
M N O P
Q R S T
U V W X
Y Z Home

no spoiler
NO SPOILERS:
Le recensioni su questo sito NON rivelano la trama dei libri recensiti


Il curatore di questo sito non ha nessuna qualifica o titolo in campo letterario. Le recensioni pubblicate vanno pertanto intese come semplici opinioni personali.


Francis Scott Fitzgerald

Francis Scott Fitzgerald St. Paul, Minnesota (USA)
24 settembre 1896

Los Angeles, California (USA)
21 dicembre 1940




I libri che ho letto:

Al di qua del Paradiso
(This Side of Paradise - 1920)
Mi sono cimentato nella lettura di "Al di qua del Paradiso", prima opera di Fitzgerald che affrontavo, con la comprensibile reverenza che si può nutrire nei confronti di uno dei grandi della letteratura mondiale. Purtroppo tale reverenza non stata sufficiente a farmelo apprezzare particolarmente.
"Al di qua del Paradiso" può essere considerato un romanzo di formazione che narra le vicende del giovane protagonista Amory Blaine attraverso gli anni immediatamente precedenti e quelli successivi alla prima guerra mondiale.
Il lettore moderno troverà sontuoso il linguaggio dell'opera, ricco di termini ormai desueti e di costruzioni grammaticali che quasi ricordano lo stile della poesia più di quello della prosa. Anche l'ambientazione contribuisce a rendere straniante l'esperienza per il lettore dei nostri giorni, dato che le vicende riguardano un giovane rampollo studente di Princeton che si muove nei salotti della alta società americana dell'inizio del secolo scorso.
Immagino che questo scoglio possa rendere difficile per molti potenziali lettori, come lo stato per me, apprezzare la trama di questa prima opera di Francis Scott Fitzgerald. Confesso di aver faticato a finire la lettura del libro e, a distanza di pochi anni, non ne conservo un buon ricordo, probabilmente a causa di miei limiti personali, ma non posso fare a meno di avvisare coloro che leggessero questa mia recensione per decidere se acquistarlo o meno: non si tratta di un romanzo "facile" n particolarmente emozionante.



Belli e dannati
(The Beautiful and Damned - 1922)
*recensione non ancora pubblicata*

© 2015 Paolo Tortora - amerikana.it - vietata la riproduzione senza consenso
Tutti i diritti sui titoli e le opere citate appartengono ai rispettivi autori