Questo sito è dedicato alla mia passione per la letteratura americana contemporanea.
La lettera "k" nel titolo non ha nessuna connotazione negativa: è il solo dominio che ho trovato libero! :-)
indice alfabetico degli autori

A B C D
E F G H
I J K L
M N O P
Q R S T
U V W X
Y Z Home

no spoiler
NO SPOILERS:
Le recensioni su questo sito NON rivelano la trama dei libri recensiti
Il curatore di questo sito non ha nessuna qualifica o titolo in campo letterario. Le recensioni pubblicate vanno pertanto intese come semplici opinioni personali.


Edward Lewis Wallant

Nome Cognome New Haven, Connecticut (USA)
19 ottobre 1926

Norwalk, Connecticut (USA)
5 dicembre 1962




I libri che ho letto:

L'uomo del banco dei pegni
(The Pawnbroker - 1961)
Molte cose possono portare un uomo a chiudersi in se stesso rifiutando i contatti umani che vadano al di là dello stretto necessario. Il protagonista de "L'uomo del banco dei pegni" è sopravvissuto all'olocausto nazista e il suo cuore è oppresso da un tale fardello da spingerlo a rifuggire l'approvazione degli altri. Gestisce un banco dei pegni nel più povero quartiere di New York, quella Harlem in cui le miserie dei residenti fanno da contraltare alla miseria interiore del personaggio. Proprio l'aridità del suo animo gli consente di svolgere con spietata efficienza il ruolo del prestatore senza che emotività e compassione influiscano sulla valutazione dei beni proposti dai clienti.
"L'uomo del banco dei pegni" è un romanzo drammatico, dai toni piuttosto foschi, dunque, se leggete per mero intrattenimento, questo libro non potrà allietare le vostre giornate. Vi si respirano le atmosfere care a Malamud e, facendo le debite distinzioni, a Algren e Selby jr.
La prosa di Wallant è ricercata e forse per questo motivo potrebbe apparire non cos scorrevole ai lettori meno eruditi o motivati.
Credo che "L'uomo del banco dei pegni" sia un libro consigliabile solo ai lettori dal palato più raffinato o a coloro che leggono talmente tanto da cimentarsi con qualunque volume capiti loro.

© 2017 Paolo Tortora - amerikana.it - vietata la riproduzione senza consenso
Tutti i diritti sui titoli e le opere citate appartengono ai rispettivi autori